• Instagram

Analisi delle macroalghe dei substrati rocciosi (tegnùe) del nord adriatico mediante rilievi fotografici e confronto con una metodica distruttiva

0

Analisi delle macroalghe dei substrati rocciosi (tegnùe) del nord adriatico mediante rilievi fotografici e confronto con una metodica distruttiva

Riassunto

Il lavoro espone i risultati di uno studio sulla componente macroalgale eseguito con una metodica di rilievo fotografica su 12 affioramenti rocciosi situati nel nord Adriatico e posti a diversa distanza dalla costa (1-28 km) e profondità (10-27 m). Le macroalghe individuate dall’esame delle immagini fotografiche (almeno 10 per affioramento) sono state ripartite in 4 categorie funzionali: a) alghe turf (feltri costituiti da sottili filamenti di altezza di 1-2 cm, riconducibili in gran parte alle Rhodophyta); b) alghe erette (talli di vario tipo ramificati, cilindrici, laminari, corticati, lobati, di altezza superiore a 1-2 cm); c) alghe rosse incrostanti interamente calcificate (indicate come “Corallinales”); d) alghe rosse incrostanti parzialmente calcificate (tipo “Peyssonnelia”). Il confronto con una metodica di campionamento distruttiva, eseguita contemporaneamente e sui medesimi siti e che, rispetto alla tecnica fotografica, opera con un livello tassonomico più definito, ha fornito un quadro complessivo paragonabile, confermando il gradiente costa-largo, la ripartizione degli affioramenti nella cluster analysis e il trend degli indicatori copertura e ricopri- mento e degli indici di diversità. Per la rapidità delle operazioni di rilievo, la maggiore sicurezza per gli operatori subacquei scientifici e i minori costi complessivi (in campo e in laboratorio), la metodica fotografica si presta bene per lo svolgimento di monitoraggi pluriennali delle comunità biologiche e per indagini marine ad elevate profondità.

Abstract

Estimation of rocky shore macroalgae in the Northern Adriatic Sea by high-resolution digital photography and comparison with scraping method


In this study, macroalgal assemblages on 12 rocky outcrops in the northern Adriatic Sea located at different distances from the coast (between 1 and 28 km) and depth (between 10 and 27 m) were analyzed by high-resolution digital photography. Macroalgae species, identified by examining digital photographs (at least 10 in each outcrop) were divided into 4 functional groups: a) turf-forming algae (tiny filaments with canopy heights of less than 1-2 cm, especially Rhodophyta) ,b) erect algae (branched, cylindrical, foliaceous, corticated or forming large lobes thalli with canopy heights of more than 1-2 cm), c) encrusting algae (totally calcified) “Corallinales” and d) encrusting algae (partially calcified) “Peyssonnelia”. The comparison with direct sampling destructive method performed on the same sites at the same time and characterized by a more defined taxonomic level, has provided the same results, confirming the gradient between coastal and offshore area, the distribution of out-crops in the cluster analysis and the trend of coverage indicators and diversity indices. Because of the speed of the survey, higher safety for scientific divers and lower overall costs (in situ and in labora- tory), the photographic method is well suited for multi-year monitoring of biological communities, in depth marine surveys and in the expeditious ones.

Share.