S. SFRISO, B. LA ROCCA

    0
    34

    Aggiornamento sulle macroalghe presenti lungo i litorali e sui bassifondi della Laguna di Venezia.

    Key words: Macroalgae, new records, Lagoon of Venice, R/C ratio.
    Riassunto

    Le macroalghe oggetto della presente ricerca  sono state campionate con frequenza mensile (luglio 2001 – luglio 2002) in tre stazioni della laguna di Venezia caratterizzate da un differente livello di trofia (Tresse, Celestia, San Nicolò). Inoltre altre 500 stazioni variamente distribuite in tutto il bacino lagunare sono state esaminate nel periodo giugno-settembre 2002 e 2003.
    Globalmente sono stati rinvenuti 215 taxa: 109 Rhodophyceae, 1 Xanthophycea, 43 Phaeophyceae e 62 Chlorophyceae.  Nelle stazioni di San Nicolò, della Celestia e di Tresse sono state campionate rispettivamente 166, 99 e 41 entità. La percentuale di Chlorophyceae aumentava procedendo dalla bocca di S. Nicolò (30%) alle Tresse (49%), di fronte la zona industriale di porto Marghera,  e la percentuale di Rhodophyceae diminuiva procedendo nella stessa direzione (51% a S. Nicolò e 37% alle Tresse). Sono state rinvenute 42 specie mai segnalate  prima del 1962, corrispondenti a ca. il 19,5% delle specie riportate. Di queste, ca. il 3,7% sono specie nuove anche per il Mediterraneo. Il confronto tra i taxa trovati in quest’ultimo triennio (2001-2003) con la flora dei lavori effettuati dagli anni ’30 all’inizio degli anni ’90  nei fondali lagunari e nei litorali marini, evidenzia una notevole riduzione di specie (da 140 a 96), mentre il numero di taxa segnalati in questo lavoro è più che doppio (215).  Il  rapporto Rhodophyceae/Chlorophyceae (R/C), proposto per valutare le condizioni trofiche e la qualità ambientale degli ambienti costieri di transizione, dopo un incremento tra il 1938 e il 1962 (da 2,2 a 3,7), è progressivamente sceso a 1,4 nel 1987 e a 1,1 nel 1991. Attualmente (2003), il rapporto R/C è risalito a ca. 1,8 evidenziando un miglioramento delle condizioni ambientali.
    Abstract

    Seaweed updating in the coast-line and shallow bottoms of the Venice lagoon.

    The seaweeds reported in this paper were monitored monthly (July 2001- July 2002) in three stations (Tresse, Celestia, San Nicolò) which are characterized by different trophic levels. In addition, ca. 500 sites, spread in the shallow bottoms and in the sea coastline of the whole lagoon basin  were  monitored in the period June-September 2002 and 2003.
    On the whole  215 taxa were found: 109 Rhodophyceae, 1 Xantophycea, 43 Phaeophyceae and 62 Chlorophyceae.  At  the San Nicolò, Celesta and Tresse stations, 166, 99, and 41 taxa, were respectively recorded. The Chlorophyceae percentage increased going from San Nicolò inlet (30%)  to Tresse (49%), close to Porto Marghera industrial area,  whereas the Rhodophyceae percentage  decreased (51% at San Nicolò and 37% at Tresse). Forty two species were never recorded before the 1962, accounting for ca. 19.6% of the species listed in this paper and ca. 3.7% are new records also for the Mediterranean Sea.
    The comparison between the taxa recorded in the period 2001-2003 and the ones listed in the researches carried out both in the lagoon shallow bottoms and in the sea coast-line between the ‘30s and the ‘90s, shows a significant decrease of species (from 140 to 96) whereas the flora reported in this paper accounts for a number of taxa  two times as high (215).
    The Rhodophyceae/Chlorophyceae (R/C) ratio, suggested to assess the trophic state and the environmental quality of coastal and confined shallow brackish water ecosystems, after increasing  from ca. 2.2 to ca. 3.7 between 1938 and 1962, lowered progressively up to ca. 1.4 in 1987 and 1.1 in 1991. At present (2003), the R/C ratio is ca. 1.8 indicating a period of environmental recovery.