A. SFRISO

    0
    95

    Ruppia maritima L. e Ruppia cirrhosa (Petagna) Grande (Helobiae, Spermatophyta) in Laguna di Venezia

    Key words: Venice lagoon,  transitional environments, Ruppia maritima, Ruppia cirrhosa.

     

    Riassunto

    Due fanerogame marine, presenti negli ambienti di transizione del Mediterraneo e nella laguna Veneta, a causa della loro presenza sporadica e limitata a praterie di pochi metri quadrati, soprattutto nelle valli da pesca arginate, sono sempre state trascurate  negli studi della flora lagunare. Si tratta di Ruppia maritima L. e di Ruppia cirrhosa (Petagna) Grande. La prima specie è relativamente comune  in pozze, chiari e ghebbi delle barene, soprattutto in laguna nord, anche in aree ad elevata salinità (35-40‰) e influenzate dalla vicinanza di canali ad elevato ricambio. La seconda è più rara e si rinviene prevalentemente in qualche valle da pesca arginata  lungo la gronda lagunare. In passato, nella laguna veneta,  queste due specie  sono state segnalate in varie occasioni, ma  non  sono mai stati fatti studi approfonditi e mancano descrizioni iconografiche.

    Abstract

    Ruppia maritima and Ruppia cirrhosa recorded in Venice lagoon

    Two seagrasses:  Ruppia maritima L. and  Ruppia cirrhosa (Petagna) Grande, colonising the transitional environments of the Mediterranean Sea and recorded also in Venice lagoon, are described.  The considered species, have for a long time  neglected in Venice lagoon because of  the  sporadic presence and the beds which are restricted to some square meters, especially in close fishing ponds. Ruppia maritima is more common, and it can be recorded in shallow waters and small canals (ghebbi) between the tidal-marshes, especially in the northern lagoon basin. It can be also found in areas characterized by  high salinity (35-40‰) and water renewal. Ruppia cirrhosa, is rare and can be mostly recorded in closed fishing-ponds near the mainland.  In the past, these species have been repeatedly quoted in the flora of Venice lagoon  but studies and iconographic descriptions of the species are missing.